Accesso al pannello di amministrazione dell'eshop >> (Questo messaggio lo vedi solo tu!)
h2o drink service

Frutta e verdura di stagione: novembre

Cavolo nero

Il cavolo nero, conosciuto soprattutto in Toscana per la ricetta della ribollita, è da qualche anno presente nei banchi di frutta e verdura di stagione in tutta Italia. È costituito da foglie lunghe e ricce di un colore verde scuro. È particolarmente ricco sia di ferro che di calcio;  è infatti un ingrediente molto presente nelle diete vegetariane, proprio per queste proprietà. È inoltre ricco di vitamina A e vitamina C (utile per l’assorbimento del ferro) e flavonoidi dalle proprietà antiossidanti.
Una curiosità: in antichità, il cavolo nero era considerato una cura ottimale per distorsioni, botte e infiammazioni. Un impacco fatto con la poltiglia delle sue foglie, posizionate con una benda sulla parte dolente, ha infatti proprietà lenitive.

frutta e verdura di stagione di novembre

 

Carciofi

Il carciofo ha una storia millenaria. Già conosciuto dagli antichi greci, è stato coltivato fin dai primi secoli d.C. in Sicilia, diventando pian piano un elemento forte della tradizione culinaria italiana. È ben nota la presenza di molti sali minerali, tra cui il ferro, ma anche calciofosforosodiopotassio. Il carciofo è inoltre ipocalorico (quindi molto consigliato nei regimi controllati) e ricco di vitamine.
La versione “coltivata” del carciofo, rispetto a quello selvatico, ha un sapore più gentile e ha meno spine. Ne esistono in Italia alcune varietà regionali, le più famose delle quali sono il carciofo romanesco, lo “spinoso” sardo e il violetto di Toscana.

frutta e verdura di stagione di novembre

Ceci

Il “cibo dei poveri” per eccellenza, i ceci sono presenti tutto l’anno in forma essiccata, ma vengono presentati nei banchi di frutta e verdura di stagione soprattutto in inverno. I ceci non si consumano freschi, e hanno bisogno di un lungo ammollo (dalle 24 alle 48 ore) per essere reidratati e cucinati. Ingrediente largamente utilizzato in tutte le cucine mediterranee, il cece è un poco più calorico degli altri legumi e ricco di proteine. Contiene inoltre una quantità di acido linoleico, che aiuta ad abbassare i livelli di colesterolo. Tra le ricette che lo vedono protagonista non può mancare la zuppa di ceci –  con la pasta nella variante romana – per riscaldare le fredde giornate tardo autunnali.

Frutta di stagione di novembre

frutta e verdura di stagione di novembre

Kiwi

Non è probabilmente un fatto noto che il kiwi è originario della Cina, ed era considerato una prelibatezza dagli imperatori. Si è diffuso in Europa soltanto alla fine del secolo scorso, e l’Italia è velocemente diventata un importante produttore mondiale. Il frutto contiene circa l‘84% di acqua, e ha quindi un forte potere idratante; è inoltre ricco di vitamine. La vitamina E  protegge il nostro organismo dalle conseguenze dell’invecchiamento dei tessuti; la vitamina C è presente in grosse quantità: basta infatti un solo frutto al giorno per assumere quasi tutto il fabbisogno giornaliero di questa vitamina. Il kiwi è anche molto ricco di potassio: questo sale minerale è importante per il controllo della pressione sanguigna e per la salute del cuore.

frutta e verdura di stagione di novembre

Clementine

Forse il frutto più rappresentativo tra la frutta e verdura di stagione di novembre, la clementina è un frutto ibrido, nato dall’incrocio tra mandarini e arance dolci; è per questo anche noto con il nome di mandarancio. Ha un gusto più dolce del mandarino, e, soprattutto, è molto amata per l’assenza dei semi. Frutto ricco di vitamina C, la clementina ha anche pochissime calorie ed è molto consigliata come “spuntino” nelle diete dimagranti, per il potere saziante. Infine, l’elevata quantità di acqua (oltre l’86%) dona al frutto proprietà dissetanti e rinfrescanti.

frutta e verdura di stagione di novembre

Mele Cotogne

Già noto nel 2000 a.C., il cotogno è uno degli alberi da frutto più antichi. I suoi frutti a seconda della varietà e forma, possono chiamarsi “mele” o “pere” cotogne. Un tempo molto diffusa, la mela cotogna è ormai quasi introvabile tra i banchi di frutta e verdura di stagione. Si utilizza principalmente come ingrediente per preparazioni, delle quali la più famosa è la cotognata, una marmellata con una consistenza molto compatta che ricorda quella delle caramelle di gelatina. Il frutto è infatti ricchissimo di pectina, una fibra alimentare con proprietà addensanti, che può essere d’aiuto a tenere sotto controllo la glicemia e il colesterolo.

L'importanza dell'acqua nello sport L'acqua l'elisir di lunga vita! Vedi tutti gli articoli